Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Annullamento dei precedenti visti Schengen ed emissione di nuovi visti

Data:

29/09/2020


Annullamento dei precedenti visti Schengen ed emissione di nuovi visti

Si sono verificati spiacevoli inconvenienti agli imbarchi dalla Federazione Russa dovuti a incertezze da parte delle compagnie aeree sull’appartenenza dei passeggeri alle categorie escluse dalle restrizioni ai viaggi verso l’Italia.

Si ritiene pertanto che, per agevolare le partenze, sia opportuno fare richiesta di nuovi visti che verranno rilasciati da questo Consolato Generale sempre in base all’appartenenza alle categorie esentate e per periodi limitati alla durata del viaggio.

Ciò è dovuto all’esigenza di adeguarsi all’andamento della situazione sanitaria internazionale, che richiede in questo periodo il rilascio di visti ad hoc per ogni viaggio che si debba effettuare.

A questo proposito si rassicura l’utenza che il Consolato Generale, nell’ambito delle procedure sanitarie in essere, rilascia generalmente i visti entro il termine di 7 giorni.

I precedenti visti Schengen dei richiedenti saranno annullati e il Consolato Generale emetterà il nuovo visto. Al termine dell’emergenza COVID-19, i titolari di visto di lungo durata potranno in seguito fare domanda per ottenere nuovamente un visto di lunga durata.

Si ricorda che i titolari di un visto Schengen non hanno automaticamente diritto ad entrare nello spazio Schengen e devono rispettare le restrizioni di viaggio vigenti. La decisione di ingresso in territorio nazionale spetta alle Autorità di frontiera, che possono chiedere l’esibizione di documentazione comprovante i motivi del viaggio e l'appartenenza alle categorie escluse dalle restrizioni di viaggio e negare l'ingresso ai cittadini stranieri nel territorio nazionale.

Per tale ragione, si consiglia di viaggiare portando con sé la documentazione, se del caso tradotta, a supporto dell’appartenenza alle categorie escluse dalle restrizioni di viaggio come da normativa vigente http://consmosca.esteri.it/consolato_mosca/resource/doc/2020/09/nota.pdf 

Ove possibile, è, altresì, consigliabile recarsi in Italia con volo diretto.

Tutti i viaggiatori sono infine pregati di prendere attenta visione di quanto riportato al link https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html  e in particolare delle regole in materia di isolamento fiduciario (quarantena) da trascorrere presso l'indirizzo che ciascuno è libero di indicare sull'apposito modello di auto certificazione scaricabile dal suddetto sito.

L’obbligo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria (nonché di tampone in rientro da Croazia, Grecia, Malta, alcune Regioni francesi e Spagna) non si applica:

  • all'equipaggio dei mezzi di trasporto;
  • al personale viaggiante;
  • agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;
  • agli ingressi per ragioni non differibili, inclusa la partecipazione a manifestazioni sportive e fieristiche di livello internazionale, previa specifica autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli dell'attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo.
  • In questo caso, il Viaggiatore/Ente/Società Organizzatrice che necessita di una esenzione all'obbligo di quarantena per ragioni non differibili, inclusa la partecipazione a manifestazioni sportive o fieristiche di livello internazionale, dovrà presentare richiesta all'Ufficio 3 della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria (Coordinamento USMAF-SASN), che la esaminerà ed eventualmente trasmetterà le linee guida alle quali il viaggiatore internazionale deve attenersi per essere esentato dalle suddette misure. Il viaggiatore avrà cura di portare con sé comunicazione dell'ufficio che ha trasmesso il protocollo, l’autodichiarazione sottoscritta a testimonianza dell’applicazione delle linee guida con l’esito del test negativo (effettuato a non più di 72 ore dall’ingresso in Italia) da mostrare eventualmente all’Autorità Frontaliera o all’Autorità Sanitaria.
  • Gli indirizzi ai quali trasmettere la richiesta di autorizzazione sono i seguenti: m.dionisio@sanita.itcoordinamento.usmafsasn@sanita.it ; dgprev@postacert.sanita .

Come previsto dall’articolo 76 del Testo Unico in materia di documentazione amministrativa, chiunque rilasci dichiarazioni mendaci è tenuto a rispondere per reato di falso ai sensi del Codice penale e delle leggi speciali in materia.

 

 

1468