Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Onorificenza a Iveta Akopyan Manasherov e Tamaz Manasherov (Villa Berg, 27 settembre 2021)

Data:

28/09/2021


Onorificenza a Iveta Akopyan Manasherov e Tamaz Manasherov (Villa Berg, 27 settembre 2021)

Ieri sera a Villa Berg l’Ambasciatore Terracciano ha conferito l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia a Iveta Akopyan Manasherov e Tamaz Manasherov, due importanti protagonisti dell’economia russa che si sono distinti per aver consolidato i rapporti commerciali con il mercato italiano e per la loro generosa attività di mecenati che hanno fornito uno straordinario contributo al rafforzamento dei rapporti culturali con l’Italia.

Tamaz Manasherov è fondatore e presidente del gruppo Unident, leader sul mercato russo delle apparecchiature odontoiatriche e con il più grande portafoglio di fornitori italiani in Russia.

Iveta Akopyan, oltre a essere vicepresidente del gruppo Unident, presiede la Fondazione culturale di beneficienza “U-Art: Tu e l’arte”, il Festival internazionale di violoncello “Vivacello” e il Festival della musica da camera “Vivarte”, che promuovono la musica italiana classica e contemporanea in Russia, invitando musicisti e compositori italiani come Massimo Mercelli, Enrico Dindo e l’orchestra dei Solisti di Pavia, Giovanni Sollima, Ivan Monighetti, ecc..

Infine, la Fondazione U-Art, istituita dai coniugi Manasherov nel 2007, ha promosso e sostenuto economicamente la realizzazione della mostra su Lucio Fontana tenutasi nel 2019 presso il Multimedia Art Museum di Mosca, in collaborazione con questa Ambasciata. L’Italia vanta con la Russia un rapporto culturale profondo e unico – ha sottolineato l’Amb. Terracciano – e, se questo è possibile, lo si deve anche e soprattutto all’iniziativa di quei privati che mettono a disposizione tempo, energie e risorse per diffondere e promuovere la cultura, l’arte, la bellezza dei patrimoni dei due Paesi. “A loro va la mia personale gratitudine, e quella dell’Italia, per il grande contributo che hanno assicurato e sono certo continueranno ad assicurare in futuro per la promozione della cultura italiana in Russia”, ha detto l’Ambasciatore in conclusione del suo intervento.

28 sett 1

28 sett 2

28 sett 3

28 sett 4 

28 sett 5

 

 

 


1638