Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Conclusa la Settimana della Lingua Italiana in Russia, fra importanti anniversari e il dialogo con la società civile.

L’Ambasciata d’Italia a Mosca ha organizzato, in coordinamento con l’Istituto Italiano di Cultura e altri enti rappresentativi del Sistema Italia nella Federazione Russa, un ampio programma di attività legate alla Settimana della Lingua Italiana, appena conclusasi. L’iniziativa è coincisa con importanti celebrazioni che ne hanno caratterizzato lo svolgimento: dai 100 anni dalla nascita del grande scrittore Italo Calvino – che dà il nome alla Scuola Italiana di Mosca –  ai 50 anni della Scuola stessa.

Diverse le iniziative orientate alla società civile russa che, nonostante il difficile momento nelle relazioni bilaterali, continua a mostrare un fortissimo interesse verso la lingua italiana. Tra queste, approfondimenti culturali, seminari, masterclass, attività ludiche e ricreative e un concorso artistico sul tema della rassegna di quest’anno “L’Italiano e la Sostenibilità”, per gli studenti della Scuola Calvino e dei numerosi istituti che partecipano al Programma di Diffusione della Lingua Italiana in Russia (P.R.I.A.). Le opere finaliste sono state annunciate nella cornice di Villa Berg, sede dell’Ambasciata, nell’ambito di un ricevimento in onore dei docenti di italiano attivi nel Paese.

Hanno partecipato, tra gli altri, la Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, dott.ssa Rizzi, il dott. Salacone, Direttore per la Russia della Società Dante Alighieri, e la Coordinatrice Didattica della Scuola Italo Calvino, Prof.ssa Lavore. L’evento è stato arricchito da un’inedita esibizione musicale di giovani studenti di italiano che hanno intonato una selezione di arie della tradizione operistica italiana e della canzone classica napoletana.

Tra le iniziative di maggiore impatto fra appassionati di italiano e la comunità accademica, si è svolto un convegno scientifico presso la Cattedra di Italiano dell’Università Linguistica di Mosca (che ha celebrato a sua volta il 50esimo anniversario), con un programma di ampio respiro che ha spaziato dagli approfondimenti sui dialetti d’Italia alle tematiche letterarie.

L’Ambasciatore d’Italia a Mosca, Giorgio Starace, ha contribuito al convegno presentando un filmato originale realizzato dall’Ambasciata e svolgendo una lecture con gli studenti della Facoltà di Italianistica incentrata sul legame a doppio filo tra lingua – poetica in particolare – musica, e creatività italiane. Un lungo viaggio che, dal Canzoniere di Petrarca e passando per la grande tradizione dell’Opera, e’ giunto sino alla musica leggera di oggi. Nell’intervento, evidenziando la vitalità della lingua italiana nella musica contemporanea, l’Ambasciatore ha richiamato le iniziative promosse dalla Farnesina e della rete delle Ambasciate in quest’ambito, fra cui il “Sanremo Giovani World Tour”.